Articles

Paraneoplastiche leucocitosi e trombocitosi secondaria di IL‐6 altezze nel melanoma metastatico

49‐anno‐vecchio uomo con la fase 4 il melanoma metastatico a diversi organi, tra cui multifocale lesioni ossee, è stato rinviato per la valutazione di diversi mesi di persistente leucocitosi e trombocitosi. Il paziente ha approvato l’affaticamento da chemioterapia e immunoterapia, ma per il resto ha negato febbri, dispnea, sanguinamento, coagulazione o storia di uso di corticosteroidi. L’esame fisico ha rivelato tachicardia e tenerezza nel quadrante superiore destro dell’addome, senza linfoadenopatia o splenomegalia.

La conta ematica completa ha mostrato una concentrazione di emoglobina di 10,7 g / dL, MCV 84 fL e conta piastrinica di 728 × 109/L. La conta dei globuli bianchi era 18,3 × 109/L con neutrofili 71%, linfociti 19%, monociti 8%, eosinofili 1% e basofili 1%. Lo striscio di sangue periferico ha mostrato eritroblastosi, con presenza di echinociti e pochi dacriociti e globuli rossi frammentati, poche piastrine giganti e un esteso aggregazione piastrinica e grandi linfociti granulari maturi nell’impostazione della malignità (Figura 1). Non c’erano prove di esplosioni circolanti. Il livello del fattore stimolante le colonie granulocitarie era di 36,2 pg / mL, che rientrava nel range di normalità (RR < 39,1 pg/mL). Il livello di interleuchina 6 (IL‐6) è risultato essere elevato a 10 pg/mL (RR 0-5 pg/mL).

 immagine
FIGURA 1
Diagnosi di leucocitosi paraneoplastica e trombocitosi nel melanoma metastatico Strisci di sangue periferico che mostrano (A) trombocitosi reattiva con aggregazione piastrinica estesa (freccia nera solida). (B) Morfologia granulocitaria normale e assenza di altre caratteristiche displastiche. (C) Eritroblasto policromatofilo e reticolocitopenia che suggeriscono mieloftisi (macchia di Wright‐Giemsa). Ingrandimento originale×100

IL-6 è una citochina immunomodulante pleiotropica che promuove la crescita tumorale mediante inibizione dell’apoptosi ed è prodotta in stati di infiammazione e malignità da diversi tipi di cellule, comprese le cellule di melanoma. IL-6 è stato indicato per upregulate la produzione della piastrina e della trombopoietina ed è stato correlato con emopoiesi di altre linee cellulari pure. IL-6 è più comunemente associato a trombosi reattiva ed è una rara causa di trombocitosi clonale. Il meccanismo della leucocitosi è stato descritto come secondario alla neutrofilia inducente IL – 6 attraverso la mobilizzazione dei neutrofili mediante demarginalizzazione, nonché attraverso l’accelerazione del rilascio del midollo osseo dei neutrofili. Un’elevata concentrazione sierica di IL‐6 è stata associata a una prognosi peggiore nei pazienti con alcuni tipi di cancro, incluso il melanoma. Dati i risultati dello striscio di sangue periferico, abbiamo concluso che la leucocitosi e la trombocitosi di questo paziente erano il risultato paraneoplastico di un elevato IL‐6 nell’ambito del melanoma metastatico aggressivo con caratteristiche di mieloftsi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.