Articles

L’Impatto

Una Lettera a Mio Nonno

Una Lettera di Mio Nonno

Tanasia Patterson, Scrittore di Personale
aprile 28, 2016

Caro Nonno,

Da quando ero giovane fino ad ora è sempre stato lì per me. Che fosse per accompagnarmi a scuola o per tirarmi fuori dai guai, tu eri ancora li’. Tutti dicono che il primo amore di una ragazza dovrebbe essere suo padre, ma hai cambiato il gioco quando hai riempito il vuoto che non poteva. Mi hai mostrato come una donna dovrebbe essere trattata.

Da bambino impariamo cose come legare le scarpe, me l’hai insegnato tu. Impariamo a fischiare anche tu. Ricordo quando avevo 6 anni e volevo un paio di pattini. Sei andato fuori e li ha comprati così quando sono venuto di sopra da scuola li ha messi su di me e mi ha portato fuori in modo da poter imparare a pattinare in loro.

Ricordo le nostre passeggiate a scuola al mattino. Dal momento che la mamma doveva andare al lavoro presto, mi prendevi e mi accompagnavi a scuola e parlavamo di tutto e di più fino al nostro arrivo. Mi hai portato alla mia prima partita di baseball. Anche se odio lo sport mi hai preso perché non ero mai stato allo Yankee stadium. Volevo assolutamente andarci perche ‘ sapevo che avrei passato l’intera giornata con te.

Non hai mai dimenticato un compleanno sempre essere la prima persona a chiamarmi sulla strada per il negozio al mattino. Mi hai insegnato a giocare il tuo numero e sempre fatto in modo di dirmi che ero bella in ogni modo. Le cose che mio padre avrebbe dovuto fare con me e insegnarmi le hai fatte tu.

Quando ho sentito che ti è stato diagnosticato un cancro, non sapevo cosa fare o come sentirti. Sapevo di dover essere forte per te. Da quando l’hai scoperto, non ti sei arreso nemmeno una volta. Si combatte attraverso di essa. Hai i tuoi giorni buoni e cattivi, ma più buoni che cattivi. Ogni volta che parliamo sembri entusiasta di parlare con me. La conversazione che abbiamo avuto l’altro giorno mi ha eccitato essendo che sembrava di essere al vostro meglio.

Molti dei miei amici non hanno i nonni e sono così fortunato non solo ad averti, ma anche ad aver trascorso del tempo con te. Vi ringrazio per essere lì, non importa cosa. Anche se non puoi esserci quando mi laureo, sono felice che tu conti ancora con me. Mi hai aiutato a plasmare nella persona che sono oggi.

Durante il tuo viaggio ho imparato ad apprezzarti ancora di più perché ogni giorno non è promesso. Ti chiamo ogni giorno solo per vedere come ti senti. Non vedo l’ora di venire a trovarti solo per passare del tempo con te prima di sottoporti all’intervento.

Ti ringrazio per essere la figura maschile della mia vita e per avermi insegnato tutto ciò che mio padre non ha fatto. Grazie per esserti assicurato che sto bene anche se l’attenzione dovrebbe essere su di te. Grazie per essere il miglior nonno che una ragazza possa chiedere. Solo grazie per tutto

Ama sempre,

Tanasia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.